Riscaldare e raffreddare

La temperatura corretta per gli abitanti del tuo acquario

Sapevi che la maggior parte delle acque tropicali ha una temperatura di “soli” 25 °C anche se la temperatura ambiente è al di sopra dei 30 °C? Fanno eccezione solo i fiumi che scorrono lentamente e i laghi, poiché sono meno ombreggiati dagli alberi, il che significa che vengono scaldati di più dal sole. Gli oceani, ovviamente, sono un mondo a parte.

Di conseguenza, la maggior parte dei pesci e delle piante starà meglio nel tuo acquario a 24-26 °C. Solo pochi pesci, come il pesce disco, preferiscono temperature di quasi 30 °C. Molte specie di gamberetto, al contrario, preferiscono acque fresche e non amano estati calde con temperature d’acqua di 28 °C. Saranno contenti, se userai dei piccoli ventilatori per raffreddare l’acqua ( Raffreddamento ).

Riscaldare

Solitamente la temperatura ambiente si trova al di sotto della temperatura dell'acqua desiderata. Soltanto in estate e nei paesi tropicali non è necessario un riscaldamento. I termoriscaldatori scaldano l'acqua automaticamente alla temperatura impostata e poi si spengono. In questo modo la temperatura dell'acqua rimarrà costante.

Il termoriscaldatore

volendo puoi far funzionare il tuo acquario di pesci tropicali senza un termoriscaldatore, se la tua temperatura ambiente scalda IN MODO COSTANTE l’acqua a 24-26 °C. Per esperienza, senza un termoriscaldatore avvengono però delle oscillazioni che non piacciono agli abitanti del tuo acquario e a cui questi non sono abituati. Un termoriscaldatore automatico ti aiuterà a mantenere la temperatura desiderata ad un livello costante. Puoi impostare la temperatura con una rotellina sul termoriscaldatore, e il riscaldamento partirà quando la temperatura scenderà al di sotto di quella impostata. Inserendo il riscaldatore fai attenzione che l'acqua vi circoli ben intorno per evitare un ristagno di calore vicino al riscaldatore. Si spegnerebbe invece di scaldare. Seleziona il tuo termoriscaldatore a seconda della tua temperatura ambiente. Fattori importanti per la scelta della potenza del termoriscaldatore sono la dimensione del tuo acquario e la differenza di temperatura tra quella ambiente e quella che si desidera avere in acqua, il cosiddetto ∆T.

Per acquari più grandi, dai 250 litri in su, i proprietari di acquario esperti utilizzano due termoriscaldatori invece di uno, che poi soltanto combinati riescono a raggiungere la temperatura desiderata. Nel caso di un guasto (il che è raro – ma, come per le istruzioni di sicurezza sugli aerei, dobbiamo attirare la tua attenzione su questo) un termoriscaldatore eviterà che l’altro cuocia un'indesiderata zuppa di pesci.

Consigliamo di non scegliere un termoriscaldatore di eccessive dimensioni tanto per „andare sul sicuro“. Questo farebbe sì che il termoriscaldatore si accenda solo per un attimo per spegnersi subito. Questo costante passaggio tra acceso e spento riduce la durata di qualsiasi termoriscaldatore.

Riscaldamento del suolo

Il compito dei cavetti riscaldanti NON è di riscaldare l’acqua del tuo acquario ma soltanto di creare una circolazione dell’acqua all’interno del substrato per migliorare la fornitura di nutrienti alle radici delle piante. Di conseguenza, il riscaldamento del suolo è uno strumento per la cura delle piante (vedi Substrato ).

Risparmiare energia

Isolare il tuo acquario con un sottacquario in espanso e possibilmente anche con un isolamento termico su entrambi i lati e sul vetro posteriore ti aiuterà a risparmiare i costi energetici.

Raffreddamento

Come già accennato, alcuni abitanti dell’acquario, come i gamberetti, preferiscono temperature più basse, sui 22-23 °C, e tollerano temperature più alte, fino a 28 °C, solo per breve tempo. Ma anche molte specie di pesci tropicali e in particolare le piante da acquario non stanno bene ad alte temperature. Si può anche avere una stagnazione notevole della crescita delle piante a causa di temperature troppo elevate! JBL ti offre una soluzione raffreddante efficace e poco costosa che puoi installare con facilità sul tuo acquario:

I ventilatori (disponibili in varie lunghezze) creano una corrente d'aria sulla superficie dell'acqua portando a un raffreddamento per evaporazione simile al freddo che si sente se si va in bicicletta con le braccia scoperte. Così puoi abbassare la temperatura dell'acqua di circa 4 °C. Un termostato ( JBL CoolControl ) permette l'accensione dei tuoi ventilatori se la temperatura da te prescelta viene superata.

Controllo della temperatura

Con l’aiuto di un termometro per acqua puoi vedere facilmente cosa sta succedendo alla temperatura del tuo acquario. Puoi scegliere tra diverse versioni e un termometro che si può attaccare all’esterno del pannello in vetro: Termometri e aerometri .