Ecco come inserisci correttamente i nuovi pesci

Un benvenuto ai nuovi arrivati!

Compri dei nuovi pesci sani e li metti nel tuo laghetto – ecco fatto. Questo funziona ma può comportare perdite! Ci sono alcuni punti che vanno osservati così che tutto vada bene.

Per i pesci un tale trasloco è diverso: già l'essere catturati è uno stress. Quando si agitano nella rete, i pesci spesso si feriscono la mucosa che li protegge contro le infezioni rischiando di ammalarsi più facilmente in seguito alla cattura rispetto agli altri. Per facilitare loro il trasloco e l'ambientamento al nuovo habitat e ai nuovi valori d'acqua, è stato sviluppato AccliPond . Protegge la mucosa e rinforza la resistenza dei pesci contro le malattie.

AccliPond va già aggiunto alla busta di trasporto così che la protezione della mucosa possa agire subito. Prima di inserire i pesci nel laghetto, aggiungi all'acqua del laghetto una dose di AccliPond .

Inoltre i nuovi pesci vanno abituati lentamente ai valori dell'acqua del tuo laghetto. Sia i gradi di durezza (minerali) come anche il pH possono essere molto diversi. Lo spostamento in acque con valori differenti è un grande stress per i pesci! Quando arrivi al tuo laghetto, apri quindi subito la busta di trasporto e per una mezz'ora aggiungi sempre piccole quantità d'acqua. Così i nuovi arrivati si possono adattare alle temperature e ai valori a loro nuovi. Le koi grandi vanno abituate ai valori nuovi in una vasca che devi assolutamente coprire, così che i pesci non saltino fuori.

Suggerimenti professionali

Oltre alla temperatura e al pH nel trasferimento dei pesci anche le differenze della durezza totale e carbonatica giocano un ruolo importante. I professionisti misurano il GH (durezza totale) e il KH (durezza carbonatica) nell'acqua di trasporto e nel laghetto. Spesso i laghetti hanno una durezza minore e quindi va aumentato il loro contenuto di minerali PRIIMA di inserire i nuovi pesci. Per questo ti proponiamo JBL StabiloPond Basis . I pesci tollerano senza problemi differenze di durezza fino a 5 °dH. In caso di differenze maggiori l'acqua va adattata corrispettivamente.