Il terrario desertico

L'emozione del deserto nel tuo salotto

L'uomo pensa al deserto generalmente come a un luogo molto caldo. Nella realtà i rettili si spostano durante il giorno in diverse zone che presentano tra loro differenze termiche molto elevate. Durante la notte, inoltre, le temperature calano drasticamente. Per raggiungere e mantenere la temperatura necessaria per i processi metabolici e il comportamento tipico (corteggiamento, lotte territoriali ecc.), gli animali desertici spaziano continuamente nel loro stesso habitat.

Tieni in conto che specialmente gli animali desertici hanno bisogno nel terrario anche di alcune zone dove la temperatura è fissa sui 50-60 °C, dove però non trascorreranno tutta la giornata. Nel loro habitat naturale, ovviamente, le loro soste sotto la fonte di calore dipendono anche dalla temperatura dell'aria e dal vento.

In primavera, quando l'aria è fresca e i venti sono forti, devono prendere molto sole per arrivare alla loro temperatura preferita. Al contrario in piena estate, quando la temperatura raggiunge i 38 °C e non c'è vento, evitano la radiazione del sole per non scaldarsi oltre la loro temperatura ottimale (da 35 a 42 °C in molte specie desertiche). Per questa ragione è molto importante avere nel terrario un'irregolare distribuzione di calore. Gli animali devono avere la possibilità di recarsi in luoghi più freschi dopo essersi riscaldati a sufficienza.

Fai attenzione alla scelta degli accessori tecnici e al loro utilizzo (ad es. mai stendere il cavetto riscaldante sul fondo intero del terrario) per creare gradienti climatici nel terrario e non un clima uniforme da sauna. L'importante è che vi siano variazioni di temperatura nella teca. Nessun rettile sopravvive a temperature basali di 48 °C.

L'allestimento del terrario desertico può essere come qui descritto: come substrato si adattano tutti i tipi di sabbia. JBL offre con Substrato sabbie in diversi colori con il nome JBL TerraSand rosso natura , JBL TerraSand giallo natura e JBL TerraSand bianco natura . JBL TerraSand rosso natura viene fornito nello stato umido e può essere modellato nel terrario. Dopo l'essiccazione si indurisce fino a un certo grado, offrendo agli animali che scavano la possibilità di farsi delle buche.

A seconda delle esigenze degli animali si possono creare nei terrari delle costruzioni di sassi con o senza caverne. Per la sicurezza degli animai e dei pannelli di vetro, le costruzioni in sasso andrebbero incollate. Per questo si può usare un silicone non tossico per acquari come JBL AquaSil trasparente .

Esistono due modi per incollare gli oggetti: quello a secco e quello umido nei punti che non saranno mai veramente asciutti. Negli incollaggi a secco bisogna poi distinguere tra un ancoraggio rigido, se si tratta di un oggetto rigido, oppure di uno più flessibile, ad esempio nelle decorazioni con sassi o legni. Per un incollaggio flessibile suggeriamo JBL AquaSil trasparente , un silicone innocuo per acquari in nero o trasparente. Per gli incollaggi rigidi consigliamo un adesivo non tossico a rapido indurimento come JBL ProHaru Rapid . Nel terrario desertico non si trovano quasi mai zone umide o veramente bagnate; nel caso, usa JBL ProHaru Universale che rimane incollato anche sott'acqua.

Nei terrari grandi il peso delle costruzioni in sasso potrebbe diventare un problema. Suggeriamo le imitazioni in plastica che si trovano in commercio.

Anche i legni secchi sono idonei per la decorazione dei terrari desertici. Piante appropriate come succulente o altre completano l'immagine. I cactus, se proprio si vogliono, sono da inserire ma soltanto se di plastica per evitare il rischio di ferite. Se allevi animali più grossi o fisicamente attivi, le piante vive di regola non hanno alcuna opportunità di sopravvivere. Anche qui si trovano nel commercio specializzato delle imitazioni in resina.