JBL workshop squali Bahamas 2018

Perché accadono gli incidenti con gli squali?

Eravamo naturalmente molto interessati a sentire cosa aveva causato l’incidente di Erich, e perché si verificano degli incidenti mortali con gli squali, quando abbiamo potuto vedere che sono animali ragionevoli e non aggressivi. Prima di tutto, bisogna capire che lo squalo di per sé non è pericoloso. È come un cane che dorme. Ma se lo squalo si sente minacciato, può diventare pericoloso, ti morde proprio come un cane se lo tocchi all’improvviso da dietro.

Non possiamo ovviamente ripetere l’intero contenuto delle lezioni in questa sede, ma vorrei menzionare alcuni punti chiave: scarsa visibilità sott’acqua, presenza di estuari in vicinanza, banchi di sabbia e bordi dei muri delle banchine con grossi branchi di pesci. Tutto ciò può portare a delle situazioni pericolose.

Erich ci ha mostrato delle riprese aeree su Google di regioni dove si sono verificati gli incidenti con gli squali. Dopo averci spiegato alcune fotografie, eravamo in grado di indovinare nelle foto successive dove si sono verificati gli incidenti. La frequenza degli incidenti vicino ai banchi di sabbia ci ha stupiti. Questo è perché dove l’acqua è poco profonda gli squali si trovano in una situazione di stress. Immaginiamoci che gli squali siano circondati da uno sferico “ambiente sicuro” tridimensionale. Se questo ambiente viene limitato dalla superficie dell’acqua, aumenta il livello di stress. I banchi di sabbia, con acque poco profonde, forniscono un’alta densità nutritiva, ma riducono al minimo l’”ambiente sicuro” degli squali.

La lezione sulla prevenzione degli incidenti con gli squali è stata molto interessante. Erich cerca da anni di spiegare alla Marina Militare statunitense che il loro manuale di ammarraggio contiene delle istruzioni controproducenti! Un pilota dovrebbe battere sulla superficie dell'acqua per scacciare gli squali. In un video, una veduta aerea mostra chiaramente come gli squali si sono immediatamente girati per nuotare verso la persona che ha picchiato con le mani sulla superficie dell’acqua.

Erich è inoltre riuscito a confutare la diffusa teoria secondo la quale gli squali scambiano i surfer per delle foche. Anche se gli squali non sono probabilmente gli animali più intelligenti del pianeta, hanno imparato nel corso della loro evoluzione l’aspetto effettivo delle loro prede. Un esperimento con un registratore di suoni sospeso in acqua, e una tavola da surf pochi metri più in là con un manichino che rema, ha chiaramente dimostrato che gli squali ignorano il “surfer” e mordono il registratore di suoni nel 90% dei casi. Quindi non è la sagoma del “surfer grasso” che risveglia la curiosità degli squali, ma una certa frequenza audio. Erich è riuscito a scoprire che una tavola da surf sulla superficie dell’acqua produce dei suoni che sembrano quelli di un pesce ferito. Gli squali riconoscono il suono come una possibile preda, ma non la sagoma. Quindi cercano di capire di cosa si tratta. Se gli squali avessero mani con cui sentire, non ci sarebbe neanche un incidente pericoloso con i surfer.

Molti milioni di persone invadono l’habitat degli squali ogni anno. Sì, si verificano degli incidenti e circa 5 persone muoiono in media ogni anno in seguito a un incontro con gli squali. Circa 500 persone muoiono ogni anno a causa di tostapane difettosi. Ma chi ha paura dei tostapane?

Cookie, qualche informazione e poi continua la navigazione

Anche il sito di JBL utilizza diversi tipi di cookie per poterti offrire una funzionalità completa e molti servizi. I cookie tecnici e funzionali sono strettamente necessari al funzionamento di questo sito. Inoltre utilizziamo i cookie per il marketing. Questo ci permette di riconoscerti alla tua prossima visita sul nostro vasto sito, di misurare il successo delle nostre campagne pubblicitarie e, tramite i cookie di personalizzazione, di rivolgerci a te individualmente e in modo diretto adattandoci ai tuoi bisogni, anche al di fuori del nostro sito web. Puoi decidere quali cookie accettare e quali rifiutare (per maggiori informazioni vedi "Modificare le impostazioni") in qualunque momento – anche in un momento successivo.

Hai più di 16 anni? Allora conferma l'utilizzo di tutti i cookie con "Ho preso atto" – e potrai continuare la navigazione.

Seleziona le tue impostazioni cookie

Cookie tecnici e funzionali, per fare in modo che tutto funzioni al meglio quando visiti il nostro sito.
Cookie di marketing, per riconoscerti sulle nostre pagine web e per poter misurare il successo delle nostre campagne pubblicitarie.