Spedizione esplorativa nell’Oceano Indiano

JBL Spedizione esplorativa 2018 nell’Oceano Indiano

Le Seychelles – sopra l'acqua un sogno, sott'acqua piuttosto mediocri

Chi pensa alle Seychelles ha davanti agli occhi immagini di spiagge di sogno e di rocce di granito. E il paesaggio è proprio così! Ma visto che non facevamo vacanze ma che ci trovavamo in una spedizione esplorativa JBL, il nostro programma prevedeva esami di biotopi. Una bella spiaggia c'è la godemmo di passaggio. Per paragonare la fauna marina delle nostre mete di spedizione erano stati prenotati giri in barca con Octopus Divers per ogni giorno a diversi punti di immersione sull'isola di Praslin. Alle nove di mattina abbiamo caricato le barche e poi siamo partiti.

I punti di immersione si trovarono tutti vicino a rocce molto piccole che emergevano dalla superficie dell'acqua o di fronte a piccole isole disabitate. La prima immersione ci portò ad una formazione rocciosa subacquea molto interessante che si protendeva come grandi dita verso la profondità. Su queste dita di roccia crescevano spugne rosse e la vita marina era proprio molto ricca di specie. La crescita dei coralli invece era fortemente limitata.

Le seguenti immersioni ci condussero in luoghi diversi a formazioni rocciose con differente crescita di coralli ma con interessanti specie di pesci e stazioni di pulizia con specie di pesci più grossi.

Il secondo giorno il mare era ancora più mosso e lo skipper decise saggiamente di approdare su un'isola molto distante. I nostri partecipanti, già tribolati dalle acque agitate, riuscirono a superare il tragitto solo accucciati sul fondo delle barche, dando da mangiare di volta in volta ai pesci, e ricuperando solo durante le immersioni.

Questa immersione in mare mosso era un esempio di come non si deve fare! La guida sub ci condusse sott'acqua dal lato sottovento dell'isola in direzione della sua punta dove battevano le onde dal mare aperto.

Durante il briefing non aveva spiegato che con un mare mosso non si viene a galla vicino alla costa ma sempre in direzione diagonale alla riva verso il mare aperto. E proprio questo non lo fecero i nostri sub inesperti. Venivano a galla nel mezzo delle onde dovendo poi combattere contro la corrente e le onde che li spingevano in direzione rocce. Gli skipper delle barche a loro volta non potevano navigare verso di loro per non mettere in pericolo le barche.

Fortunatamente tutto andò bene e non dovemmo grattare nessun sub dalle rocce di granito. L'istruzione introduttiva a un'immersione è veramente essenziale! Va sempre spiegato come ciascuno deve comportarsi se perde il gruppo e in situazioni particolari come nel caso di mare agitato.

Dopo le immersioni rimaneva ancora il tempo per fare lo snorkeling. Direttamente sulla spiaggia del nostro villaggio turistico si trovava un'isola fotogenica che si poteva aggirare con lo snorkel. Non importa il numero delle immersioni, godiamo sempre nuovamente lo snorkeling. Si può rimanere nell'acqua quanto si vuole, non si dipende dalle bombole e si può rimanere in un punto per tutto il tempo che si desidera.

Snorkeling direttamente dalla spiaggia

Anche se le immersioni regalano un periodo di rilasso sott'acqua presso gli animali, lo snorkeling rimarrà una delle attività più belle nelle acque tropicali. Anche le acque basse sono piene di vita e si ha tempo illimitato per osservare in pace.