JBL ottiene il permesso di eseguire riprese subacquee presso gli allevatori giapponesi di koi

I giapponesi sono molto cortesi ma anche molto determinati. Nei capannoni in cui le koi trascorrono l’inverno, vigono severissime norme igieniche e l'assoluto divieto di toccare l’acqua. Solamente così si prevengono con efficacia contagio e diffusione di malattie. Il biologo della JBL Heiko Blessin aveva però il desiderio di eseguire riprese subacquee nelle vasche delle koi con una grande fotocamera professionale. Dopo un certo lavoro di persuasione e con l’aiuto di SCHUKOI e di Hans-Jürgen Ninke del rivista Koi-Kurier, gli allevatori si sono dichiarati d’accordo. Non solo, ma dopo, alla vista dei risultati, erano addirittura entusiasti.

Con un obiettivo occhio di pesce (15 mm) sono state eseguite incredibili riprese subacquee che mostrano sia la qualità delle koi che i fantastici colori degli animali non dall’alto ma di lato. La campagna fotografica ha reso più intense le relazioni amichevoli tra la JBL e gli allevatori. Nel loro prossimo viaggio in Europa alcuni di questi risponderanno all’invito della JBL e visiteranno la produzione del mangime per koi JBL ProPond a Neuhofen.

© 12.05.2017 JBL GmbH & Co. KG