Filtri e accessori per acquari

Filtri e accessori per acquari

Il tuo supporto tecnico più importante: il filtro per l'acquario

A causa degli escrementi dei pesci e dei residui delle piante si sciolgono sostanze nell'acqua che formano sporcizia. Un filtro d'acquario ha il compito di offrire una zona di insediamento per i batteri che decompongono queste sostanze nocive e tengono pulita l'acqua. Il filtro inoltre trattiene le particelle di sporcizia sia fini che grosse e mantiene l'acqua cristallina.

Cosa devi osservare riguardo ai filtri?

Per quanto riguarda il filtro, non è importante solo la prestazione della pompa, ma ancor più importante è il volume del filtro. Dopotutto, che senso ha una pompa potente, se il materiale filtrante si ostruisce troppo velocemente e riduce il flusso? Sul filtro è sempre indicata la dimensione dell’acquario per cui è idoneo. Se hai dei dubbi, scegli una taglia in più – così avrai meno lavoro quando lo pulisci. E una taglia in più non costa molto di più. Per poter fare una pulizia rapida del filtro ogni uno o due mesi, ti devi assicurare che il filtro sia facile e veloce da lavare. Non dimenticarti di dare un’occhiata al consumo di energia e a confrontarlo, se necessario, con i filtri più “economici”, con i quali puoi risparmiare qualche euro all’acquisto, ma perderai molti più soldi di quelli che hai risparmiato all’inizio durante il suo funzionamento.

Filtro interno o esterno?

I filtri interni possono essere utilizzati in acquari fino a 200 litri. Per acquari più grandi hai a disposizione "soltanto" filtri esterni. In caso di acquari più piccoli puoi ricorrere ai filtri interni a partire da 10 litri ( JBL ProCristal i30 ), mentre dopo i 40 l puoi già scegliere anche filtri esterni ( JBL CristalProfi e402 greenline ). Il filtro interno JBL CristalProfi m greenline possiede una stuoia filtrante che impedisce il risucchio di gamberetti e avannotti. È ideale per acquari tra 20 e 80 litri, e può essere esteso con un modulo filtrante per una durata maggiore o per acquari più grandi.

I filtri interni vengono attaccati all’interno di un vetro dell’acquario tramite delle ventose. Non sono appariscenti e sono privi di parti tecniche al di fuori dell’acquario, che potrebbero causare problemi in case con bambini o animali domestici (ad es. mordere un tubo). Il filtro occupa comunque un po' di spazio nell’acquario.

I filtri esterni possono essere tenuti discretamente nascosti in un mobiletto. Sono necessari solo due tubi per trasportare l’acqua dentro e fuori dal filtro. I filtri esterni hanno solitamente un volume del filtro leggermente superiore di quelli interni e non è quindi necessario pulirli altrettanto spesso.

Alla fine dipende da te, se scegliere un filtro interno o esterno, tranne che per acquari con volumi inferiori a 40 litri (questi necessitano di un filtro interno) e superiori a 200 litri (che richiedono un filtro esterno).

Quali accessori sono sensati?

Se desideri che il tuo filtro tenga pulito l'intero acquario più il fondo, lo devi scegliere 5-10 volte più grande rispetto a quello raccomandato!

Ma questo non è realistico. Per via della forte corrente i pesci rimarrebbero incollati sul vetro opposto.

Mulmglocke

Campana aspirarifiuti

È normale che si raccolga un po' di sporcizia sul fondo. Per una pulizia regolare ogni 15 giorni ti serve un aspirarifiuti ( JBL AquaEx Set 20-45 ). Combina la pulizia del fondo con il cambio parziale dell'acqua ogni due settimane e non avrai problemi di sporcizia nell'acquario.

Aspiratore di superficie

Per avere una superficie pulita e aspirare tutte le particelle galleggianti come i residui di piante o il biofilm (pellicola biancastra), con JBL TopClean II hai a disposizione un aspiratore di superficie comodo e facile da usare.

Pulizia dei tubi flessibili

Dei test hanno dimostrato che nei tubi flessibili dei filtri esterni dopo alcune settimane si possono insediare batteri e alghe, otturandoli leggermente. Il rendimento del filtro può scendere del 25%. Con una spazzola per tubi ( JBL Cleany ) puoi riportare a pieno rendimento il filtro.

Aiuto batterico

I filtri interni ed esterni, al loro primo utilizzo o dopo una pulizia completa, vanno attivati biologicamente. Con l'aiuto di colture batteriche in alta concentrazione come le possiede JBL FilterStart il tuo filtro funzionerà biologicamente con la sua massima prestazione dopo 12-24 ore.

Filterboost

Se il tuo acquario dovesse produrre molta sostanza organica grossolana che ottura rapidamente il tuo filtro, proponiamo il sussidio batterico di JBL FilterBoost : specifici batteri eterotrofi che decompongono rapidamente le proteine (ad es. i residui di piante), impedendo una veloce otturazione del tuo filtro. Così prolunghi la sua durata e non lo devi pulire tanto spesso!

Mancanza di corrente

In caso di un’interruzione di corrente di più di 2 ore un filtro esterno NON va semplicemente riavviato senza averlo prima pulito. Questo lasso di tempo difatti provoca una mancanza d'ossigeno all'interno del filtro dando origine a processi di putrefazione.

Rimettendolo in funzione, “spareresti” l’acqua sporca nel tuo acquario, e questo può condurre alla morte dei suoi abitanti.