Calore e temperatura nel terrario

Poiché gli animali da terrario non producono calore proprio (animali a sangue freddo), dipendono dalla temperatura ambientale. Molte lucertole e serpenti si recano attivamente in luoghi dove si possono riscaldare grazie alla temperatura del fondo o ai raggi solari. Solo con la temperatura corporea corretta sono in grado di massime prestazioni (caccia) e anche il loro metabolismo funziona in modo normale.

Dato che il sole crea calore in natura, si associa la luce al calore. Molti animali da terrario perciò cercano attivamente posto sotto i faretti chiari mentre non riconoscerebbero un radiatore infrarosso senza luce visibile! Il radiatore infrarosso è ideale per fornire calore al terrario durante la fase buia. I radiatori infrarossi e i tappetini riscaldanti sono l'unica fonte di calore non associata alla luce.

Quando gli animali si sono riscaldati ritornano anche in luoghi più freschi. Per questo i terrari non devono mai avere una temperatura uniforme ma disporre di diverse zone di temperatura. Un cavetto riscaldante come JBL TerraTemp heatmat va installato solamente sotto una parte del terrario.

È ugualmente importante rispettare le differenze di temperatura tra il giorno e la notte, se esistono nell'habitat degli animali. Proprio nei deserti può fare molto freddo di notte e gli animali si rifugiano in grotte dove la sabbia o le rocce circostanti hanno accumulato calore. Ma anche nelle foreste pluviali non regna sempre un calore uniforme. Nelle pianure amazzoniche ad es. la temperatura notturna può scendere a 22 °C nel primo mattino.

Dimensiona il riscaldatore nel terrario sempre in modo tale da non "friggere" gli animali nel caso che la tecnologia di controllo si guasti. Per un terrario piccolo non scegliere quindi uno smisurato cavetto riscaldante di 100 Watt ma uno piccolo di 8 o 15 Watt come JBL TerraTemp heatmat . Inoltre devi far calcolo anche dell'effetto riscaldante dell'illuminazione. Spegnendo la luce di notte, d'altronde, si abbassa anche la temperatura.

Per diminuire la dissipazione di calore del terrario e risparmiare spese di energia, puoi isolare le pareti laterali dall'esterno con materiale isolante. Stuoie in espanso come JBL AquaPad sotto la lastra di fondo prevengono la dissipazione di calore e, soprattutto, lo spezzarsi della lastra nel caso che l'appoggio non sia piano e sotto la lastra non ci sia un tappetino riscaldante. Se installi un tappetino sotto il terrario rispetta le istruzioni per garantire un'areazione sufficiente. I tappetini riscaldanti JBL ( JBL TerraTemp heatmat ) sono equipaggiati di "piedini" come distanziatori. Nel caso che l'illuminazione non riscaldi sufficientemente e l'utilizzo di un tappetino riscaldante sotto il terrario non sia possibile puoi impiegare dei radiatori infrarossi come JBL ReptilHeat . Questi faretti in ceramica si riscaldano (non visibilmente dall'esterno) e rilasciano calore all'aria del terrario. Per evitare ustioni degli animali va sempre installato un cestello protettivo ( JBL TempSet Heat ).

Fabbisogno di calore degli animali da terrario

In questo capitolo trovi informazioni sul fabbisogno di calore degli animali da terrario di diversi habitat

Calore per gli animali dei boschi tropicali

Gli abitanti dei boschi tropicali hanno di solito bisogno di alte temperature durante la giornata e nella notte di temperature un po' più basse (esempio: Amazonia 32 °C giorno / 23 °C notte – non scendere sotto questo limite!). Spegnendo la luce che riscalda di giorno, puoi abbassare le temperature di notte.

Calore per gli animali crepuscolari e notturni

Animali notturni dalle foreste tropicali hanno bisogno anche di notte delle temperature elevate tra 23 e 30 °C, mentre gli animali desertici attivi di notte preferiscono temperature minori di 15-22 °C.

Calore per gli animali desertici

Gli animali desertici si sono adattati alle temperature alte di giorno e spesso basse di notte. Se di giorno hanno troppo caldo si devono poter ritirare negli angoli più freschi del terrario.