Il riscaldamento del suolo

Il riscaldamento che non riscalda ma sciacqua – tutto per il bene delle piante d'acquario

Con un riscaldamento del suolo favorisci la crescita delle piante acquatiche, creando una circolazione dell’acqua nel substrato che porta l’acqua ricca di nutrienti direttamente alle radici. Il riscaldamento consta di un lungo cavetto riscaldante che sarà posizionato a serpentina sul pannello inferiore dell’acquario. Il cavetto riscalda l’acqua circostante, che sale verso l’alto. A quel punto sarà l’acqua più fredda a scorrere verso la serpentina, creando una circolazione dell’acqua sul fondale che porta costantemente l’acqua ricca di nutrienti alle radici delle piante. Solamente con substrati molto fini (sabbia fine) questa circolazione non può avvenire in maniera sufficiente, portando addirittura a un eccessivo accumulo di calore sul fondo. Raccomandiamo quindi l'uso di cavetti riscaldanti solo con substrati di granulometria a partire da 0,8 mm circa.

Il riscaldamento del suolo non riscalda l’acqua dell’acquario: serve solo da “microcircolazione” nell’area del fondale. È questo il motivo per cui il voltaggio del cavetto riscaldante è molto più basso di quello dei riscaldatori. Qui puoi leggere come installare un riscaldamento del suolo: Installazione tecnica .

Quale potenza Watt è giusta per il tuo acquario?

Se guardi sulla confezione del cavetto riscaldante JBL PROTEMP b III per quale dimensione d'acquario è adatto, vedrai un grande divario. Nel caso del più piccolo cavetto riscaldante, il JBL PROTEMP b10 ad esempio, sono indicati 40-120 litri. Il numero di litri non è veramente decisivo, ma la superficie sulla quale si posa il riscaldamento del suolo. Sotto il numero di litri trovi: 40-80 cm. In un acquario da 40 cm la lunghezza del cavetto riscaldante (nella versione da 10 W ad es. 3,6 m) è sufficiente per coprire l'intera lastra di fondo. In un acquario da 80 cm sarà coperto di spire solo una parte della lastra. Dato che in molti acquari le piante si trovano solo nella parte posteriore, questo ha un senso. Perciò è meglio riflettere prima di posare il cavetto riscaldante dove si vuole inserire le piante e posare lì il cavetto. Gli acquariofli che coprono l'intera parte anteriore con piante da prato, devono considerare la dimensione d'acquario più piccola sull'indicazione della superficie.

Non ti meravigliare che il wattaggio del riscaldamento del suolo è notevolmente inferiore alla potenza del termoriscaldatore. il termoriscaldatore (ad es. JBL PROTEMP S 25 ) ha il compito di portare la temperatura dell'acquario al valore giusto per le tue specie di pesci, ad esempio 25 °C. Il cavetto riscaldante, invece, crea calore solo direttamente vicino al cavo così che l'acqua riscaldata sale e fa circolare l'acqua nel suolo. Per creare questa circolazione basta pochissima energia (Watt).

Risparmiare energia

Puoi regolare il riscaldamento del suolo assieme all'illuminazione mediante timer. Visto che le piante di notte non fanno la fotosintesi, è permesso diminuire di notte il trasporto di nutrienti alle radici delle piante. Di conseguenza si può spegnere di notte il riscaldamento del suolo, che non è regolato dalla temperatura.

Estate

Se in estate si raggiungono temperature ambientali molto alte, il termoriscaldatore si abbassa automaticamente e non riscalderà più. Controlla tuttavia se davvero si spegne. Lo vedi dalla spia di controllo del riscaldatore o semplicemente lo senti. Il cavetto riscaldante, come già detto, non dipende dalla temperatura. Quindi staccalo dalla corrente quando la temperatura dell'acqua è troppo alta e riattaccalo solo quando la temperatura è scesa nell'ambito desiderato.

Cosa si deve osservare quando si posa il cavetto riscaldante?

Prima di tutto il momento giusto: la posa è possibile solamente se l'acquario è vuoto. Se il rivenditore zootecnico ti raccomanda un cavetto riscaldante dopo averti già venduto l'allestimento completo, cerca di mantenere i nervi saldi.

Progetta in quali punti vuoi mettere le piante PRIMA di posare il cavetto in spire sul fondo del tuo acquario Solo qui ha senso.

A questo si aggiunge un altro fattore: probabilmente stenderai per le piante un substrato fertile a lungo termine ( JBL PROFLORA AquaBasis plus ) sopra il cavetto riscaldante. Se più tardi ti servirai di una campana aspirarifiuti ( JBL PROCLEAN AQUA EX 10-35 ) per aspirare la melma, non vuoi certo togliere il substrato fertile o impigliarti nel cavetto riscaldante. Questa è la ragione per la quale il cavetto riscaldante va posto solamente nelle zone con piante.

Il cavetto riscaldante è costituito da un tratto di cavo che non si riscalda e da uno che si riscalda. Il tratto "freddo" va posato sul suolo fino al punto dove inizia il tratto "caldo". Il cavo si deve riscaldare solo a partire dal tratto "caldo" che si trova sotto il suolo. Il passaggio dalla parte che rimane fredda alla parte che si riscalda si distingue nei cavetti JBL ( JBL PROTEMP b III ) dalle parti interne nere del cavetto.

Non ti meravigliare che il wattaggio del riscaldamento del suolo è notevolmente inferiore alla potenza del termoriscaldatore. il termoriscaldatore (ad es. JBL PROTEMP S 25 ) ha il compito di portare la temperatura dell'acquario al valore giusto per le tue specie di pesci, ad esempio 25 °C. Il cavetto riscaldante, invece, crea calore solo direttamente vicino al cavo così che l'acqua riscaldata sale e fa circolare l'acqua nel suolo. Per creare questa circolazione basta pochissima energia (Watt).

Cookie, qualche informazione e poi continua la navigazione

Anche il sito di JBL utilizza diversi tipi di cookie per poterti offrire una funzionalità completa e molti servizi. I cookie tecnici e funzionali sono strettamente necessari al funzionamento di questo sito. Inoltre utilizziamo i cookie per il marketing. Questo ci permette di riconoscerti alla tua prossima visita sul nostro vasto sito, di misurare il successo delle nostre campagne pubblicitarie e, tramite i cookie di personalizzazione, di rivolgerci a te individualmente e in modo diretto adattandoci ai tuoi bisogni, anche al di fuori del nostro sito web. Puoi decidere quali cookie accettare e quali rifiutare (per maggiori informazioni vedi "Modificare le impostazioni") in qualunque momento – anche in un momento successivo.

Anche il sito JBL utilizza diversi tipi di cookie per poterti offrire una piena funzionalità e molti servizi: i cookie tecnici e funzionali sono necessari per permetterti una comoda visita del nostro sito. Inoltre utilizziamo i cookie per ragioni di marketing. Puoi decidere in qualsiasi momento – ora o più tardi – quali cookie accettare e quali no (vedi di più sotto "Modificare impostazioni").

Nella nostra informativa privacy verrai a sapere come elaboriamo i dati personali e per quali scopi impieghiamo l'elaborazione dei dati. verrai a sapere come elaboriamo i dati personali e per quali scopi impieghiamo l'elaborazione dei dati. Ti preghiamo di confermare con "Accetto" l'utilizzo di tutti i cookie.

Hai più di 16 anni? Allora conferma l'utilizzo di tutti i cookie con "Ho preso atto" – e potrai continuare la navigazione.

Seleziona le tue impostazioni cookie

Cookie tecnici e funzionali, per fare in modo che tutto funzioni al meglio quando visiti il nostro sito.
Cookie di marketing, per riconoscerti sulle nostre pagine web e per poter misurare il successo delle nostre campagne pubblicitarie.
I accept the YouTube Terms of Service and confirm that I have read and understood the YouTube Terms of Service .

Notifiche push di JBL

Cosa sono le notifiche PUSH? In quanto parte dello standard W3C le notifiche web definiscono un'API per le notifiche rivolte agli utenti finali, che vengono trasmesse tramite browser ai dispositivi desktop e/o mobili degli utenti. Sui dispositivi finali appaiono notifiche come le conosce l'utente finale dalle applicazioni istallate sul dispositivo (ad es. email). Sui dispositivi appaiono le notifiche come le conosce l'utente finale dalle applicazioni installate sul dispositivo (ad es. email).

Queste notifiche permettono al gestore delle pagine web di contattare i suoi utenti mentre hanno ancora aperto un browser – indipendentemente dal fatto se l'utente sta visitando il sito web o no.

Per poter inviare notifiche push si ha bisogno soltanto di un sito web con un codice web push installato. In questo modo anche marchi senza applicazioni possono usufruire di molti vantaggi delle notifiche push (comunicazioni personalizzate in tempo reale, proprio nel momento giusto).

Le notifiche web fanno parte dello standard W3C e definiscono un'API per le notifiche all'utente. Una notifica permette di informare l'utente su un fatto, come ad es. un nuovo commento sul blog, al di fuori dal contesto di una pagina web.

Questo servizio viene offerto gratuitamente da JBL GmbH & Co. KG ed è tanto facile da attivare come da disattivare.